Ciao

Mi chiamo Alessandra Caravella, e sono una psicologa ed istruttrice Mindfulness.

Mi occupo di percorsi di crescita individuale, lavoro con le persone per aiutarle a sentirsi meglio con se stesse, con gli altri, e gestire al meglio ansia, attacchi di panico, depressione e disturbi alimentari.

Ci viene insegnato che i sintomi vanno curati, ma il sintomo è la risposta migliore che il nostro organismo ha trovato per adattarsi al proprio contesto.

Quindi l'obiettivo non è rimuovere i sintomi, bensì trovare nuove alternative per soddisfare quello specifico bisogno!

WhatsApp%2520Image%25202020-04-06%2520at%252012_edited_edited.jpg
photo5902468925650744436.jpg

Prima Skype call di 30 minuti gratuita

 

Su cosa possiamo lavorare insieme

Ansia
Depressione
Relazioni

L'ansia può presentarsi sotto due forme: in circostanze nuove, oppure può essere costantemente presente. In questo secondo caso, rischia di diventare invalidante per un regolare svolgimento delle azioni quotidiane.
I sintomi che si associano all'ansia sono sia psicologici, che fisici e si manifestano con: senso di soffocamento, aumento del battito cardiaco, sudorazione, senso di disorientamento e confusione, paura generalizzata, isolamento e ritiro sociale, pensieri costanti e circolari, insonnia.

Sintomi alimentari

I sintomi alimentari rappresentano quelle condizioni in cui ci sono delle alterazioni nella relazione con il cibo e più in generale all'alimentazione, una eccessiva preoccupazione per il peso e le forme fisiche. I disturbi alimentari più comuni sono: anoressia nervosa, bulimia con e senza eliminazione ed obesità e rappresentano negli ultimi anni dei disturbi in rapidissima crescita, soprattutto per la fascia d'età che comprende adolescenza e post-adolescenza e colpiscono statisticamente in maggior numero la popolazione femminile.

Si definisce depressione quella condizione persistente di umore triste, senso di vuoto e irritabilità, difficoltà ad iniziare o portare a termine compiti quotidiani e ritiro sociale.

La persona depressa ha la costante sensazione di sentirsi intrappolata e non poter uscire da una condizione di chiusura. Ha la sensazione di non avere le risorse per far fronte alle numerose richieste che l'ambiente fa, ed il vissuto che ne consegue è di forte inadeguatezza e frustrazione.

Traumi

Un trauma rappresenta un episodio, un evento, che ha un forte impatto e determina un vissuto molto stressante.

Gli eventi traumatici sono solitamente inattesi, può trattarsi anche di lutti improvvisi.
Ogni evento necessita di un processo di elaborazione ed assimilazione, la natura violenta dell'evento traumatico non consente una sua corretta elaborazione e superamento, di conseguenza l'esperienza che la persona fa è quella di un blocco che non consente di proseguire con il normale svolgimento della vita.

L'essere umano ha bisogno di buone relazioni intorno a sè per vivere bene. Avere difficoltà in tal senso significa sperimentare senso di inadeguatezza, frustrazione e vergogna. Ciò risulta carente o mal funzionante sia nelle condizioni di ritiro sociale ed evitamento, quanto in quelle di dipendenza affettiva. Questa si sperimenta prevalentemente in coppia nel momento in cui non si riesce a far a meno del partner nonostante la relazione non sia soddisfacente.

Autostima

Quando l'idea che si ha di se stessi, e quindi anche delle proprie competenze, è carente, allora si vivrà in un continuo stato di dubbio ed incertezza, in cui prendere delle decisioni e fare delle scelte risulterà difficile.
Molto spesso la scarsa autostima si accompagna alla dipendenza affettiva, ovvero la sensazione di non poter mai scegliere da soli, perchè quella è la condizione in cui si giudica il proprio comportamento come sbagliato.